Approfondimenti

Competiton Law: Come salvaguardare il libero mercato

La legge europea sulla concorrenza promuove il mantenimento della concorrenza all’interno dell’Unione europea regolando la condotta anticoncorrenziale delle imprese per garantire che non creino cartelli e monopoli che danneggino gli interessi della società.

La legge sulla concorrenza è regolata dall’art. 101-106 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Le regole di concorrenza sono rivolte alle imprese e ai professionisti indipendenti che desiderano trarre vantaggio dal mercato unito, ma per garantire un mercato libero è necessario garantire la loro partecipazione. L’Articolo 101 TFUE elenca le pratiche che sono vietate nel diritto della concorrenza: Gli Accordi tra imprese. Il motivo di questo divieto risiede nel garantire la libera partecipazione al mercato dell’ Unione. “Tutti gli accordi tra imprese, le decisioni di associazioni di imprese e le pratiche concordate che possono pregiudicare il commercio tra Stati membri e che hanno come oggetto o effetto la prevenzione, la restrizione o la distorsione della concorrenza all’interno del mercato interno.

La Corte di giustizia ha definito il termine “pratica concordata” come: “una forma di coordinamento tra imprese che, senza aver raggiunto la fase in cui è stato concluso un accordo propriamente detto, sostituisce consapevolmente la cooperazione pratica tra loro per i rischi della concorrenza”. Una pratica concordata è difficile da provare e il semplice fatto di aumenti paralleli dei prezzi non è decisivo. Ci deve essere un corpus di prove precise e coerenti per giustificare l’accertamento di una pratica concordata. Cases 40/73 Suiker Unie and others v Commission (the Sugar Cartel case) afferma che una pratica concordata non deve necessariamente essere verbale o scritta e può essere diretta o indiretta. La corte ha dichiarato che non è necessario prendere in considerazione l’effetto concreto di un accordo una volta che sembra avere come oggetto la prevenzione, la restrizione o la distorsione della concorrenza.

L’elenco non esaustivo dell’articolo 101, paragrafo 3 consente alla Commissione di rimanere libera di identificare altri accordi o pratiche che operano in modo anticoncorrenziale, garantendo un certo grado di flessibilità. . Tuttavia, le eccezioni sono interpretate nel modo più stretto possibile. In generale, qualsiasi contatto tra concorrenti solleverà sospetti e la Commissione inizierà a prestare attenzione.

Secondo quanto previsto dall’art. 102 TFUE “è incompatibile con il mercato comune ed è vietata, nella misura in cui possa pregiudicare il commercio tra Stati membri, qualsiasi abuso da parte di una o più imprese di una posizione dominante nel mercato comune o in una parte sostanziale di esso“.

Sebbene possa non sembrare evidente, l’ottenimento di una posizione dominante sul mercato non è illegale di per sé; invece è un abuso di tale posizione che è perseguito integralmente dalla legge dell’UE. Secondo la giurisprudenza  della Corte, una posizione dominante dovrebbe essere identificata come una posizione di forza economica che consente alla società di ostacolare la prosecuzione di una concorrenza effettiva nel mercato in questione e di mantenere un comportamento indipendente da parte di concorrenti, clienti e consumatori (United Brands , Causa 27/76).

Articolo 102 TFUE  non si limita a determinati casi di abuso di posizione dominante: l’imposizione di prezzi di vendita (articolo 102 lettera a), la limitazione della produzione o il pregiudizio dei consumatori (articolo 102 lettera B), l’applicazione di condizioni dissimili a prestazioni equivalenti (articolo 102 lettera c), l’introduzione di servizi aggiuntivi che non hanno alcun legame con l’oggetto dei contratti (articolo 102 lettera d).

L’abuso può consistere in un comportamento inteso ad escludere dal mercato o emarginare un concorrente o in una politica commerciale che riguarda direttamente i consumatori. Vi sono forti ragioni per il controllo degli aiuti di Stato nell’Unione europea, tuttavia il suo uso deve essere limitato per evitare il suo abuso e proteggere i giocatori nazionali. L’abuso di aiuti di Stato può comportare la bancarotta delle imprese, distorcere la concorrenza e contribuire artificialmente a mantenere mercati frammentati e costosi. D’altra parte, un corretto utilizzo delle politiche sugli aiuti di stato contribuisce ad abbracciare la globalizzazione indirizzando i fondi pubblici verso la crescita economica e le posizioni lavorative in mercati aperti e competitivi, sostenendo le riforme economiche per offrire competitività a lungo termine.

Gli articoli pertinenti sono 106 e 107 del TFUE.

La prima afferma che se gli Stati membri concedono diritti speciali o esclusivi solo a determinate imprese, queste saranno consentite dalla legislazione dell’UE solo se non contrarie alle norme contenute nei trattati pertinenti, in particolare a quelle di cui all’articolo 18 e agli articoli da 101 a 109. Quest’ultimo afferma che qualsiasi aiuto concesso da uno Stato membro che falsi o minacci di falsare la concorrenza favorendo determinate imprese è incompatibile con il mercato interno se incide sugli scambi tra Stati membri. È di fondamentale importanza che i concorrenti operino su una base di parità a vantaggio della competitività europea e che le imprese non accumulino un potere di mercato che potrebbe portare a prezzi più elevati e ad una qualità inferiore. Di fronte al libero commercio tra UE e SM e all’apertura dei servizi pubblici alla concorrenza, le autorità nazionali a volte vogliono utilizzare risorse pubbliche per promuovere determinate attività economiche o per proteggere le industrie nazionali. La concessione di queste risorse è nota come aiuto di Stato. La ragione più importante per imporre il controllo dell’UE sugli aiuti di Stato è impedire che i paesi utilizzino deliberatamente e / o involontariamente aiuti di Stato a vantaggio delle proprie imprese a scapito degli altri concorrenti.

Eugenio Selmi, LL.M. in Food Law

Il tuo commento

Contattaci

ok

ko

Invia il tuo messaggio...